L'autorità su Internet

Per una teoria povera

Translated title of the contribution: The authority on the Internet: For a poor theory

Research output: Contribution to journalReview article

Abstract

Dall’inizio del Duemila, con l’avvento dell’Internet partecipativa – cioè del cosiddetto Web 2.0 – il cyberspazio è diventato non soltanto uno spazio di comunicazione di massa, ma anche un luogo di produzione di beni comuni. I software liberi, le enciclopedie gratuite e i community blog fanno concorrenza alle produzioni commerciali. Questi prodotti sono il risultato di relazioni di lavoro basate non sulla gerarchia, ma sulla cooperazione di volontari non retribuiti, e per questo stesso motivo attribuiscono un ruolo essenziale all’autonomia dei partecipanti. Generalmente si pensa che lo scopo della “leadership” (o dominio legittimo) sia di risolvere le questioni legate all’azione collettiva, e in particolare di organizzare il coordinamento dei lavori. Come si manifesta questa autorità legittima in uno spazio non autoritario come l’Internet collaborativa? Il dominio è sparito, come qualcuno sostiene, o ha assunto forme nuove? Qualisono gli strumenti concettuali adeguati per descrivere questo fenomeno, che va dal software libero a Wikipedia?
Original languageItalian
Pages (from-to)36-51
Number of pages16
JournalAut Aut
Issue number347
Publication statusPublished - Sep 2010

Fingerprint

Internet
Wikipedia
weblog
leadership
community
software
World Wide Web
Authority
Software
Blogs
Legate
Manifesta
Web 2.0

Cite this

@article{2b6dcfa07c6b43ff86c706905c6a8529,
title = "L'autorit{\`a} su Internet: Per una teoria povera",
abstract = "Dall’inizio del Duemila, con l’avvento dell’Internet partecipativa – cio{\`e} del cosiddetto Web 2.0 – il cyberspazio {\`e} diventato non soltanto uno spazio di comunicazione di massa, ma anche un luogo di produzione di beni comuni. I software liberi, le enciclopedie gratuite e i community blog fanno concorrenza alle produzioni commerciali. Questi prodotti sono il risultato di relazioni di lavoro basate non sulla gerarchia, ma sulla cooperazione di volontari non retribuiti, e per questo stesso motivo attribuiscono un ruolo essenziale all’autonomia dei partecipanti. Generalmente si pensa che lo scopo della “leadership” (o dominio legittimo) sia di risolvere le questioni legate all’azione collettiva, e in particolare di organizzare il coordinamento dei lavori. Come si manifesta questa autorit{\`a} legittima in uno spazio non autoritario come l’Internet collaborativa? Il dominio {\`e} sparito, come qualcuno sostiene, o ha assunto forme nuove? Qualisono gli strumenti concettuali adeguati per descrivere questo fenomeno, che va dal software libero a Wikipedia?",
author = "Mathieu O'Neil",
year = "2010",
month = "9",
language = "Italian",
pages = "36--51",
journal = "Aut Aut",
issn = "0005-0601",
publisher = "La Nuova Italia Editrice S.p.A",
number = "347",

}

L'autorità su Internet : Per una teoria povera. / O'Neil, Mathieu.

In: Aut Aut, No. 347, 09.2010, p. 36-51.

Research output: Contribution to journalReview article

TY - JOUR

T1 - L'autorità su Internet

T2 - Per una teoria povera

AU - O'Neil, Mathieu

PY - 2010/9

Y1 - 2010/9

N2 - Dall’inizio del Duemila, con l’avvento dell’Internet partecipativa – cioè del cosiddetto Web 2.0 – il cyberspazio è diventato non soltanto uno spazio di comunicazione di massa, ma anche un luogo di produzione di beni comuni. I software liberi, le enciclopedie gratuite e i community blog fanno concorrenza alle produzioni commerciali. Questi prodotti sono il risultato di relazioni di lavoro basate non sulla gerarchia, ma sulla cooperazione di volontari non retribuiti, e per questo stesso motivo attribuiscono un ruolo essenziale all’autonomia dei partecipanti. Generalmente si pensa che lo scopo della “leadership” (o dominio legittimo) sia di risolvere le questioni legate all’azione collettiva, e in particolare di organizzare il coordinamento dei lavori. Come si manifesta questa autorità legittima in uno spazio non autoritario come l’Internet collaborativa? Il dominio è sparito, come qualcuno sostiene, o ha assunto forme nuove? Qualisono gli strumenti concettuali adeguati per descrivere questo fenomeno, che va dal software libero a Wikipedia?

AB - Dall’inizio del Duemila, con l’avvento dell’Internet partecipativa – cioè del cosiddetto Web 2.0 – il cyberspazio è diventato non soltanto uno spazio di comunicazione di massa, ma anche un luogo di produzione di beni comuni. I software liberi, le enciclopedie gratuite e i community blog fanno concorrenza alle produzioni commerciali. Questi prodotti sono il risultato di relazioni di lavoro basate non sulla gerarchia, ma sulla cooperazione di volontari non retribuiti, e per questo stesso motivo attribuiscono un ruolo essenziale all’autonomia dei partecipanti. Generalmente si pensa che lo scopo della “leadership” (o dominio legittimo) sia di risolvere le questioni legate all’azione collettiva, e in particolare di organizzare il coordinamento dei lavori. Come si manifesta questa autorità legittima in uno spazio non autoritario come l’Internet collaborativa? Il dominio è sparito, come qualcuno sostiene, o ha assunto forme nuove? Qualisono gli strumenti concettuali adeguati per descrivere questo fenomeno, che va dal software libero a Wikipedia?

UR - http://www.scopus.com/inward/record.url?scp=78649680017&partnerID=8YFLogxK

M3 - Review article

SP - 36

EP - 51

JO - Aut Aut

JF - Aut Aut

SN - 0005-0601

IS - 347

ER -